Print

Craco: paese fantasma

Le origini di Craco risalgono all'VIII sec. a.C

Viene citato in documenti ufficiali col nome di Graculum.

Nei dintorni del paese si può ammirare lo spettacolo offerto dai calanchi.

Nel 1276 Craco divenne sede di una Universitas. Durante il regno di Federico II, Craco fu importante centro strategico militare. Il torrione infatti domina la valle dei due fiumi che scorrono paralleli, il Cavone e l'Agri, via privilegiata per chi tentava di penetrare l'interno. La torre di Craco, insieme ad altre fortificazioni ed avamposti della zona, come la Petrolla, di rimpetto a Craco, erano barriera di protezione per città al tempo ricche quali Pandosia e Lagaria, entrambe al di là dell'Agri, entrambe prospicienti la feconda Siritide.

Paesino medievale a 391 metri sul mare, il centro storico di Craco è oggi un paese fantasma.

L'abbandono cominciò nel 1963 dopo una frana che ne distrusse una parte. Allora c'erano quasi 2000 abitanti. Il paese si svuotò lentamente e divenne completamente deserto nel 1981.

Gli abitanti vennero trasferiti in parte nella contrada S. Angelo e in maggioranza nella frazione di Peschiera, a sette chilometri dal borgo antico, che è oggi il nuovo paese.

Paese agricolo, Craco oggi ha poco più di 600 abitanti.

Nonostante l'abbandono, Craco è un paesino di straordinaria suggestione. Le case, intrecciate tra loro intorno al castello medievale, sono costruite in pietra e mattoni tagliati.

Craco è stato scelto spesso dalle produzioni cinematografiche come set. Nel 1978 Francesco Rosi ambientò a Craco alcune scene di «Cristo si è fermato a Eboli» tratto dal capolavoro di Carlo Levi. Tra gli altri film girati a a Craco: «The Passion» di Mel Gibson (2003), «King David» di Bruce Beresford (1985), «Nativity» di Chatrine Hardwicke (2006), «Il sole anche di notte» di Paolo e Vittorio Taviani (1990), «Terra bruciata» di Fabio Segatori (1999), «Tre fratelli» di Rosi (1981).

craco

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più fruibile. Se prosegui la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information